Che ruolo ha il personal trainer?

Chi è il Personal Trainer: ruolo tecnico, cosa fa, dove agisce, benefici

Il personal Trainer o allenatore personale , si occupa di guidare le persona verso la forma fisica migliore per loro in base a età, costituzione fisica, tempo a disposizione e obiettivi personali salutistici, sportivi o estetici. Aiutare le persone con i consigli appropriati a conquistare passo dopo passo uno stile di vita sano e la consapevolezza delle proprie possibilità fisiche sono per me motore professionale in ogni percorso personalizzato di allenamento; che sia individuale o in piccolo gruppo.

In base alla mia esperienza di lavoro nella città di Bologna, le differenze qualitative e quantitative che ci sono fra l’allenamento autogestito e quello col personal trainer si basano sulla valutazione, sulla programmazione, sul divertimento e sulla motivazione. Differenze fondate sulla professionalità e l’esperienza. Nel dettaglio:

  1. Valutazione/Test: spesso si ha un’immagine del proprio corpo astratta e la valutazione serve per oggettivare con vari strumenti le fasi del percorso allenante prescelto per raggiungere l’obiettivo prefissato.
    Si usano a seconda delle situazioni le immagini, le misurazioni di parametri antropometrici (es.circonferenze e peso), test chinesiologici, test posturali, test funzionali submassimali per la capacità cardiorespiratoria, piuttosto che parametri ematochimici, pressori, in caso di alterazioni organiche cliniche. Si valuta inoltre come cambia l’atteggiamento all’allenamento e la percezione che si ha delle proprie capacità/possibilità
  2. Programmazione/Monitoraggio: sono componenti necessarie per ottenere il risultato voluto in un tempo ragionevole per le possibilità personali e richiedono una visione globale del percorso da fare
  3. Divertimento/Motivazione: a ciascuno il suo. Lo stesso obiettivo ha molteplici esercizi, tecniche e tempi di applicazione per essere raggiunto e si dà la priorità a quello più piacevole e divertente. Ciò consente di mantenere la motivazione ad un buon livello e a costruire la costanza.

Eh già. Fare una scheda di allenamento non consiste nel fare copia incolla o guardare video sul Web o inventare per sentito dire. Sennò, date le innumerevoli offerte che la rete internet dà gratuitamente, non ci sarebbe il tasso di obesità in crescita, né la sindrome da ipocinesia che dilaga nella nostra società, così come ci sarebbero meno atleti amatori dopati.

Ma tornando a noi, per essere in forma e ridurre od eliminare i fattori di rischio delle patologie croniche non trasmissibili quali ad esempio ipertensione, sindrome metabolica, diabete, obesità, ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia, serve acquisire un linguaggio che è stato inibito sempre più dall’avvento della tecnologia: il linguaggio del corpo. Il corpo ci dà molti segnali, il movimento o lo stare fermi consapevole danno al nostro cervello così tante informazioni che possono mantenere salute psicofisica molto a lungo. A sentirsi belli si è più felici ed efficaci nella propria quotidianità. Quindi come fare a non avere mal di collo e schiena in ufficio? Dimagrire e non avere cellulite? Avere un buon sonno e più energie da dedicare ai propri interessi? Attiviamo il gioiello corpo umano, ma nel modo giusto e sano per tutti. Con la testa.

L’applicazione di questa ricetta dipende da ciascun Personal Trainer. Nel mio percorso professionale a Bologna, ho sempre prediletto l’offerta che sentivo più mia tecnicamente ed umanamente. Questo perché le emozioni scorrono continuamente nelle relazioni che si intrecciano fra persone. E trasmettere la sensazione di essere per prima motivata e coerente (nei limiti umani) nella proposta fatta credo sia determinante per offrire il meglio ad ogni persona o gruppo.

L’azione del Personal Trainer che io ho chiamato Move&Smile, perché è stata la mia filosofia di vita sin da bambina, agisce sulla globalità della persona. Ricordo, che lo stato d’animo determina l’efficacia delle azioni che si fanno ;). Avere cura di questi dettagli ho notato che fa’ la differenza nel tempo per mantenere l’aderenza al percorso prescelto evitando l’abbandono e lo svilimento conseguente del cliente.

Per finire un paio di spunti di riflessione sui benefici dell’attività motoria o sportiva, a seconda dei gusti: consente di mettersi in forma, sentirsi più belli e piacenti, più forti fisicamente e mentalmente, così come più rilassati e concentrati. Guidarvi a migliorarvi, consentirvi di affidarvi per volare più in alto è il mio compito. Che abbiate già fatto fitness o sport o nulla, o che abbiate fasti cronici che limitano la vostra convinzione sul potervi mettere in forma, io sarò lì con voi comunque stiate. E se vi può piacere potranno esserci altri come voi che si alleneranno e con cui potrete fare il viaggio insieme.